Il Tennis nella Scuola Materna: sesto appuntamento

di Diego Valentini

Saltare, volteggiare e correre su ostacoli sono state considerate sempre ed esclusivamente in vista del risultato tecnico ed estetico da molti autori. Se in realtà si analizzano come situazioni in cui l’allievo viene coinvolto, si può notare che i fattori che le costituiscono creano una problematica degna della massima considerazione ai fini della crescita psico-somatica del bambino.

La capacità di effettuare salti è in stretta relazione con il grado di sviluppo della capacità di equilibrio. Nell’adulto l’obiettivo e il risultato è una riconquista della postura conosciuta.

ESERCIZI

  • Saltare sul posto a piedi pari
  • Saltare sul posto alternando i piedi
  • Saltare a destra e a sinistra di una riga o altro
  • Saltare avanti e dietro a una riga
  • Saltare divaricando gli arti inf.sul piano frontale
  • Saltare divaricando gli arti inf. sul piano sagittale
  • Saltellare avanzando, indietreggiando, spostandosi lateralmente
  • Saltare piccoli ostacoli
  • Saltare dentro e fuori da cerchi o altre figure poste sul terreno
  • Saltare la funicella
  • Saltare da un cerchio all’altro
  • Saltare su un piede solo da un cerchio all’altro
  • Salto in basso
  • Salto in basso con un quarto di giro
  • Saltare un piccolo ostacolo
  • Saltare sul materasso dopo una piccola rincorsa

Mitico !!!!!! il maestro prepara un bel circuito che ci fa impazzire dalla voglia di superare tutte le difficoltà che esso sempre presenta ma che  talvolta  ci crea un po’ d’ansia e curiosità .

Il mio primo circuito, spero di riuscire a farlo !!!!!!!!

Esso viene fatto utilizzando metà campo di tennis

fase n°1 : partenza da una porticina formata da 2 coni – correre in avanti fino ad 1 cono( 6 metri dalla partenza ) girare intorno ad esso e ritornare di corsa all’indietro fino alla porticina di partenza.

Fase n° 2 : ripartire sempre di corsa correre fino ad un cono posto a 10 metri dalla partenza ( sulla stessa linea del cono precedente ) girarlo e in quadrupedia passare sotto un ostacolo senza fare cadere l’asticella.

fase n° 3 : rialzarsi in piedi saltare un piccolo ostacolo girare un successivo cono e  rotolare su se stessi una volta su di un materassino

( se  sono capace posso fare una capovolta ).

fase n° 4 : rialzarsi in piedi toccare con la mano sinistra un cono posto a circa 5 metri dal materassino poi un altro con la mano destra, concludendo infine di corsa nella stessa porticina da dove sono partito.

Sono felice perché non ho sbagliato nulla e il maestro mi ha detto che sono stato anche veloce.

 Riusciamo a convincere il maestro di farci un gioco con le palline da tennis.

Abbiamo una pallina ciascuno e il maestro ci propone una serie di giochi .

Quante volte riuscite a fare rimbalzare la palla per terra con la mano destra senza perderla ?

Quante volte riuscite a farlo con la mano sinistra ?

Quante volte riuscite a farlo lanciando la palla in alto e riprenderla senza farla cadere sia con la destra che con la sinistra ?

Non vedo l’ora di raccontare ai miei genitori tutto quello che ho provato oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *